Si torna a giocare al Carpionato del mondo

Condividi su...
Facebook
Twitter
LinkedIn

“L’avventura degli Azzurri al Campionato europeo di calcio è finita in maniera agra, ma quest’estate ci resta il Carpionato del mondo che inizia a luglio e si disputerà fino a metà settembre”. La prendono con ironia all’Associazione Astigiani, che lancia per il secondo anno la kermesse dedicata al carpione, piatto tipico della tradizione culinaria estiva piemontese.

Per carpione si intende un tipo di marinatura con aglio, aceto, cipolle e salvia. In questo “bagnetto” si fanno riposare (almeno per una notte prima di gustarli, rigorosamente freddi) ortaggi, uova, carni o pesci, prima fritti o bolliti. L’origine del carpione risale probabilmente al Medioevo (ma ce ne sono tracce già tra i Romani) e rispondeva alla necessità di conservare gli alimenti quando ancora i frigoriferi erano di là da venire. È un piatto della tradizione contadina estiva. Il Carpionato del mondo vuole rilanciare l’uso dell’agro, delle marinature e del classico aceto di vino piemontese.

Dove si gioca il Carpionato del mondo?

Sono una cinquantina i locali coinvolti con la stessa vitalità e fantasia del Bagna Cauda Day. Ci sono ristoranti, agriturismo, gastronomie, ma anche Pro loco  (quelle di Casabianca e Quattordio hanno giocato in anteprima)  che dai primi di luglio e fino al 15 settembre avranno in menù piatti con il carpione proposto in modalità diverse. L’elenco in continuo aggiornamento è sulla pagina di questo sito dedicata ai locali.

Ogni locale aderente ha ricevuto da Astigiani una fornitura di libretti-lasciapassare edizione ’24 da regalare ai carpionisti. Il lasciapassare contiene il racconto del contesto storico del carpione nel mondo con interventi e citazioni letterarie.  Ci sono un simpatico testo di Bruno Gambarotta che descrive con ricetta la sua “tinca cinematografica”, l’excursus storico gastronomico di Gianluigi Bera, la ricerca sull’agro nel mondo di Paola Gho e Giovanni Ruffa, i consigli da dietologi di Giorgio e Caterina Calabrese,  il racconto di Rocco Moliterni, la testimonianza di Franco Testore. Nella due pagine centrali c’è lo spazio dove mettere i timbri che certificano il passaggio del carpionista: ogni locale è stato dotato di timbro personalizzato.

Premi ai carpionisti più assidui con il gioco dei timbri

Al termine del Carpionato, chi avrà raccolto tra i carpionisti più bolli di locali diversi e lo presenterà o ne manderà la foto ad Astigiani avrà diritto a cene gratis per due persone (raggiunti i 5 timbri). Chi avrà raggiunto gli 8 timbri riceverà altri gustosi premi in natura e servizi così come chi arriverà ad avere 12 timbri e avrà il titolo di “carpione del mondo”!

Il Carpionato del mondo è una festa solidale.

L’associazione Astigiani, come già è avvenuto lo scorso anno con il versamento di 3.000 euro al Consorzio della Piadina Romagnola a favore di un’azienda agricola romagnola alluvionata, si impegna a destinare anche quest’anno una parte degli utili dell’evento all’Associazione Astro-Pulmino amico di Asti, a sostegno dell’azione a favore dei malati oncologici.

Gli alleati del Carpionato del mondo 2024 sono il Consorzio dell’Asti, lo storico acetificio reale Varvello di La Loggia, la torroneria Davide Barbero che rilancia il liquore del Diavolo Rosso e l’Associazione per il  Patrimonio Unesco dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato.